Città da visitare

Cosa vedere in Salento: le Maldive della Puglia non sono solo mare!

Lecce

Prima tappa delle vostre vacanze: la città di Lecce. Piccola e tranquilla, ma con un centro storico decisamente unico nel suo genere. Numerosissimi gli edifici di pregio, sia sacri che civili. Imperdibili le chiese barocche di Sant’Irene e Santa Croce, caratterizzate da facciate ricchissime di decorazioni e sculture; da visitare il meraviglioso salotto di Piazza Duomo, al cui interno sorgono, oltre alla chiesa principale della città, anche il Seminario ed il Palazzo Arcivescovile.

Piazza Duomo a Lecce

Non dimenticate anche una sosta in Piazza Sant’Oronzo, che custodisce al suo interno un importante anfiteatro romano. E, dopo il tour, concedetevi una pausa con il favoloso street food della città: rustici, pucce e pasticciotti vi sorprenderanno! Viva la Puglia!

Otranto

Dopo Lecce, dirigiamoci più a sud e giungiamo in zona Otranto: da queste parti sono tantissimi i luoghi da visitare. Iniziamo dai laghi Alimini, due specchi d’acqua a ridosso del mare e circondati dal verde e a pochi passi da bellissime spiagge di sabbia finissima.

A seguire, merita una tappa il caratteristico laghetto di Bauxite, un luogo fuori dal mondo che saprà sorprendervi con i suoi colori surreali. Per finire, da non perdere assolutamente il faro di Punta Palascìa, ovvero il luogo più ad est d’Italia, arroccato su una costa rocciosa e frastagliata molto spettacolare.

E, dopo aver visitato i dintorni, perdetevi nel bellissimo borgo antico di Otranto: il porto, il castello e soprattutto la cattedrale, con i suoi spettacolari mosaici pavimentali bizantini, si imprimeranno in maniera indelebile nella vostra mente.

Nardò

Fu, per secoli, un importante centro bizantino e, dal 1497, sotto la famiglia ducale degli Acquaviva, divenne il principale centro culturale del Salento, sede di Università, di Accademie e di studi letterari e filosofici: fu definito la Nuoua Atene litterarum.

Il centro storico di Nardò vanta una straordinaria ricchezza di palazzi, chiese, cappelle e singoli dettagli architettonici rendendola una delle città del Barocco Leccese, a pari merito con i centri di Lecce e Gallipoli.

Santa Maria di Leuca

Spingiamoci ancora più a sud nella nostra discesa nel Salento: dopo le rocce a picco sul mare di Santa Cesarea Terme, la natura selvaggia di Castro e il porto di Tricase, eccoci a Santa Maria di Leuca.

Qui, nell’estremo lembo meridionale della Puglia, tra forti raffiche di vento che increspano lo Jonio e l’Adriatico creando spettacolari moti ondosi contrapposti, si trovano meravigliose grotte marine da esplorare in barca. Celebre anche il Santuario di Santa Maria de Finibus Terrae, a due passi dal faro, più volte fatto oggetto di razzie da parte dei pirati saraceni nel corso dei secoli.

Specchia

A circa 50 km a sud di Nardò esiste un piccolo comune, inserito nell’elenco de “I Borghi più belli d’Italia” e dal 2013 è riconosciuto come “Gioiello D’Italia”.
Specchia nasce sulle serre salentine, piccole colline, fornendo ai suoi visitatori la vista panoramica sulla vallata del basso Salento.
Il centro storico, un intreccio di stradine strette e abitazioni tipiche, è stato chiuso al traffico per tutelarlo e rendere magica l’atmosfera.

Gallipoli

Iniziamo quindi la risalita, questa volta seguendo la litoranea sul versante ionico. Dopo una sosta bagno a Pescoluse o a torre San Giovanni, spettacolari località marittime caratterizzate da un mare estremamente trasparente e da sabbia bianca e finissima, raggiungiamo Gallipoli.

La località è famosa per le sue spiagge, il suo borgo antico costruito su di un’isola collegata alla terraferma da un sottile istmo di terra e le sue spettacolari fortificazioni in mare che lasciano spazio a caratteristiche spiaggette cittadine. In estate Gallipoli è molto frequentata soprattutto dai giovani, in quanto offre una vita notturna molto intensa e tantissimi luoghi dove trascorrere una serata in allegria.

Porto Cesareo

Ultima tappa del nostro tour alla scoperta del Salento e delle vostre vacanze in Puglia: sempre risalendo la litoranea ionica, il mare di Porto Cesareo e della sua frazione Torre Lapillo: vi suggeriamo di restare in spiaggia sino al tramonto, per godere dello spettacolo e dei colori del sole estivo che cala nelle placide acque dello Jonio.